Home Notizie Microsoft Windows 8 a quota 40 milioni di licenze supera Windows 7

Windows 8 a quota 40 milioni di licenze supera Windows 7 PDF Stampa
Giovedì 29 Novembre 2012 22:42

Microsoft ha venduto 40 milioni di licenze di Windows 8 in un mese, cioè circa 1,25 milioni al giorno. Il dato è superiore a quello di Windows 7, che in due mesi si era fermato a 60 milioni, ovvero 860 mila al giorno.

Quaranta milioni di licenze di Windows 8 vendute in un mese di disponibilità. Microsoft festeggia l'ennesimo traguardo per il nuovo sistema operativo, dopo aver comunicato a fine ottobre di aver raggiunto quattro milioni di aggiornamenti venduti a soli tre giorni dal debutto.

Non è chiara la composizione di queste licenze, cioè quante siano nuovi PC, quanti aggiornamenti acquistati dagli utenti finali e così via, anche se Microsoft ha dichiarato che il numero di update a Windows 8 ha superato quelli di Windows 7, anche se va tenuto conto dei prezzi davvero concorrenziali stabili dalla casa di Redmond.

"Il debutto di Windows 8 alla fine di ottobre ha segnato anche l'inaugurazione del Windows Store. C'erano più applicazioni nel Windows Store al debutto di quante ve ne fossero su altri app store e da allora, il numero delle applicazioni è raddoppiato. Diverse applicazioni hanno superato il fatturato di 25 mila dollari, consentendo agli sviluppatori di portare la quota trattenuta su ogni transazione all'80%", si legge sul blog di Windows.

Il ritmo di vendita di Windows 8 è superiore a quello di Windows 7. Il precedente sistema operativo, presentato il 22 ottobre 2009, superò 60 milioni di licenze vendute in poco più di due mesi. Calcolatrice alla mano si può desumere che ogni giorno sono vendute 1,25 milioni di licenze di Windows 8, contro le 860 mila circa di Windows 7 nei suoi primi due mesi di vita. La differenza è quindi del 45% circa.

Il bello però arriva adesso, perché entriamo nel secondo mese di vita del software, con l'effetto novità che inizia a scemare ma al tempo stesso con il periodo natalizio ormai alle porte. Insomma, la partenza è stata senz'altro ottima, ma bisognerà attendere i prossimi mesi per capire se si può parlare di vero successo

A margine di questo importante annunciato il direttore finanziario e marketing della divisione Windows Tami Reller ha svelato alcuni dati sul "primo giorno" di vita del nuovo sistema operativo: il 90% degli utenti è riuscito a usare le funzioni "charm", il 50% è entrato nel Windows Store e l'85% ha avviato la modalità desktop. Insomma, l'interfaccia non sembra così indigesta agli utenti del nuovo sistema operativo, anche se sul tema si può e si continuerà a discutere.

Diverse applicazioni sono già state scaricate 1 milione di volte e molte altre sono vicine a tale traguardo. Microsoft ha certificato a oggi 1500 PC e tablet Windows 8. Rimane un'unica macchia, se così vogliamo chiamarla, e riguarda le vendite dei tablet Microsoft Surface, su cui ancora non si hanno dati precisi. Segnaliamo infine che l'annuncio odierno non ha alcuna correlazione con le indiscrezioni delle settimane scorse sulle vendite deludenti dei PC Windows 8. Quando la casa di Redmond usa la dicitura "licenza venduta" indica quella acquistata dal produttore dei PC e dagli utenti finali.

Insomma, se i computer si vendono oppure no probabilmente è troppo presto per capirlo, e di certo non sta a Microsoft dirlo. Bisogna tuttavia ricordare che il comparto è in forte crisi come logica conseguenza delle condizioni economiche mondiali, per cui è plausibile che i consumatori stiano acquistando aggiornamenti a poche decine di euro per sistemi esistenti piuttosto che nuovi PC da centinaia - se non migliaia - di euro.

VIA

miglior sito