Home Notizie Megaupload Megaupload 2.0 arriva il 19 gennaio 2013 si chiamerà Mega e sarà inattaccabile

Megaupload 2.0 arriva il 19 gennaio 2013 si chiamerà Mega e sarà inattaccabile PDF Stampa
Lunedì 22 Ottobre 2012 22:17

Si chiamerà Mega il nuovo cyber locker di Kim Dotcom. I contenuti saranno crittografati e le chiavi nelle mani degli utenti. Nessuna responsabilità per gli amministratori, che gestiranno i server su un sistema cloud diffuso in più paesi.

Megaupload tornerà con il semplice nome di "Mega", e sembra che questa volta Kim Dotcom si sia messo definitivamente al riparo da possibili denunce e raid in casa propria. Il nuovo servizio infatti prevede che i file caricati dagli utenti siano protetti da crittografia, le cui chiavi non saranno in possesso degli amministratori.

In questo modo la responsabilità per un film pirata è solo dell'utente, perché solo lui sarà in possesso della chiave necessaria per decodificare la protezione. Starà all'utente stesso e agli sviluppatori di applicazioni terze il compito di gestire l'accesso ai file (e diffondere le password).

Secondo Dotcom l'unico modo di fermare il nuovo servizio sarebbe rendere la crittografia stessa illegale, ma "secondo la Carta dei Diritti Umani delle Nazioni Unite la privacy è un diritto fondamentale. Abbiamo il diritto di proteggere le informazioni personali dallo spionaggio", ha spiegato il neozelandese.

Megavideo torna il 19 gennaio, Kim DotCom prepara la sua vendetta.

L'altro tassello del mosaico è l'uso di server ridondanti già ordinati e sparsi in paesi diversi. In questo modo "persino se un paese decide di bloccare i server - non crediamo che possa succedere, perché rispettiamo tutte le leggi dei paesi dove abbiamo dei server - o se c'è un disastro naturale, c'è un'altra fonte dove i file restano disponibili. In questo modo è impossibile perpetrare abusi come quelli che abbiamo subito negli Stati Uniti", ha aggiunto Mathias Ortmann, un socio di Kim Dotcom.

Il sistema inoltre prevede che l'hosting sia diffuso e che chiunque possa partecipare, anche se ha poche risorse. "Possiamo lavorare con chiunque, perché l'host stesso non sa cosa c'è sui server". Come The Pirate Bay quindi Mega sarà un servizio dematerializzato, rintracciabile esclusivamente nella cosiddetta "cloud", e di fatto impossibile da abbattere con un solo colpo preciso.

A complicare ulteriormente la vita per i possessori di copyright c'è il fatto che questo sistema non gestisce la deduplicazione: se lo stesso file è presente cento volte ci saranno cento voci con altrettante chiavi di decodifica, e ci vorranno quindi cento richieste di rimozione.

Sì, perché la major cinematografiche e musicali possono ancora chiedere la rimozione di un file, se per esempio trovano su un forum un link e la password di decodifica. Anzi, Dotcom ha anche creato uno strumento grazie al quale i proprietari di copyright potranno accedere direttamente ai server e cancellare i contenuti che non gradiscono. "Questa volta però se vogliono usare quello strumento dovranno accettare, prima di ottenere l'accesso, che non ci potranno denunciare o ritenere responsabili per le azioni degli utenti".

Insomma, sembra proprio che Mega sia una sorta di Megaupload 2.0. Diffuso in una nuvola di server sparsi per il mondo, e con la solida protezione della crittografia. Resta solo da vedere se e come gli utenti lo useranno per diffondere materiale illecito.

VIA

miglior sito

Ultimo aggiornamento Giovedì 08 Agosto 2013 22:49
 
Altri Articoli :

» MEGA Sync: arriva il client per PC | Adesso è una vera alternativa a Dropbox

// // // Ottime notizie per tutti gli utilizzatori di MEGA, il servizio di Cloud nato dalle ceneri di Megaupload e già utilizzato da milioni di persone. Dopo una prima beta privata e la realizzazione delle applicazioni per Android e iOS, finalmente...

» Baboom, Kim Dotcom ha il suo servizio di streaming musicale. Ecco come sarà

// // // Direttamente da Kim Dotcom, arrivano nuovi dettagli su quello che sarà Baboom, il suo nuovo servizio di streaming musicale, che sarà caratterizzato da una serie di servizi gratuiti e l'introduzione del formato digitale FLAC.Dopo...

» Kim Dotcom: agenti esterni hanno pilotato la chiusura di MegaUpload

// // // “Nella nuova biografia di Kim Dotcom si legge che il raid che ha portato alla chiusura di MegaUpload sia stato pilotato da una donazione di 20.000€ che lo stesso aveva effettuato a vantaggio di Wikileaks”Sono passati quasi due anni...

» Kim Dotcom rivela nome e primi dettagli del suo nuovo servizio musicale gratuito

// // // Kim Dotcom ha rivelato il nome del suo nuovo servizio musicale sia gratuito sia a pagamento: data di rilascio, prezzi e numero di brani presenti al lancio sono ancora sconosciutiPochi giorni fa avevamo parlato di "Megabox", il servizio...

» Kim Dotcom si dimette da MEGA

// // // Il discusso imprenditore lascia il servizio di cloud hosting. Il grande imprenditore sembra essere troppo impegnato nelle battaglie legali e nelle aspirazioni politiche.Kim Dotcom lascia MEGA, il servizio di hosting nato all’inizio...