Megaupload tornerà online: parola di Kim Dotcom
Home Notizie Megaupload Megaupload tornerà online: parola di Kim Dotcom

Megaupload tornerà online: parola di Kim Dotcom PDF Stampa
Lunedì 09 Luglio 2012 16:59

Kim Dotcom è convinto che Megaupload possa risorgere ancora più forte e grande. Il processo sta prendendo una belle piega, sopratutto considerato le leggerezze commesse dalla Polizia. Adesso punta a ottenere anche i danni per la perquisizione e il sequestro illegale del sito.

Megaupload ritornerà online. La promessa è del fondatore Kim Dotcom, che dopo mesi di smarrimento sembra aver recuperato totalmente il suo tono sfacciato. "SOPA è morta. PIPA è morta. ACTA è morta. MEGA tornerà più grande. Migliore. Più veloce. Libero da accuse e schermato dagli attacchi", ha scritto su Twitter qualche giorno fa. Il (mago)pancione è uscito senza dubbio rinfrancato dall'ultima udienza. Il giudice Helen Winkelmann ha infatti sottolineato le numerose leggerezze compiute dalla Polizia: dall'irruzione, all'ordine di cattura fino a quello di perquisizione e sequestro.

E non è ancora finita perché questa settimana i suoi legali chiederanno i danni allo Stato per la perquisizione e il sequestro illegale del sito. La cifra non è ancora stata calcolata, ma c'è da credere che possa trattarsi di una richiesta milionaria.

Sul fronte statunitense invece sembra raffreddarsi la pista che vorrebbe la Casa Bianca come mandante del raid neozelandese. Kim Dotcom ha sostenuto fin dall'inizio di essere finito in trappola per colpa di Washington, e nello specifico delle lobby cinematografiche che presidiano Pennsylvania Avenue. Pare infatti che il vice-presidente Biden tempo fa sia stato fotografato con il gotha del settore e il direttore di Motion Picture Association Asia Pacific, Mike Ellis. Lo stesso Ellis avrebbe poi incontrato il Ministro della Giustizia neozelandese Simon Power.

Il Procuratore legale Neil MacBride che si sta occupando del caso ha negato però ogni coinvolgimento delle alte sfere. Il meeting con Biden ai tempi venne organizzato per discutere del suo viaggio in Cina e di contratti commerciali in ambito cinematografico. La difesa però continua a essere convinta del contrario.

In ogni caso l'eventuale estradizione verrà discussa ad agosto. Da rilevare poi che a Kim non è stato ancora concesso il permesso di accedere alle prove in possesso dell'FBI: potrà farlo solo quando metterà piede negli Stati Uniti, prima di allora se farà il bravo riceverà 40 pagine di documenti su 22 milioni di mail sequestrate.

VIA

miglior sito

Ultimo aggiornamento Giovedì 08 Agosto 2013 22:50
 
Altri Articoli :

» MEGA Sync: arriva il client per PC | Adesso è una vera alternativa a Dropbox

// // // Ottime notizie per tutti gli utilizzatori di MEGA, il servizio di Cloud nato dalle ceneri di Megaupload e già utilizzato da milioni di persone. Dopo una prima beta privata e la realizzazione delle applicazioni per Android e iOS, finalmente...

» Baboom, Kim Dotcom ha il suo servizio di streaming musicale. Ecco come sarà

// // // Direttamente da Kim Dotcom, arrivano nuovi dettagli su quello che sarà Baboom, il suo nuovo servizio di streaming musicale, che sarà caratterizzato da una serie di servizi gratuiti e l'introduzione del formato digitale FLAC.Dopo...

» Kim Dotcom: agenti esterni hanno pilotato la chiusura di MegaUpload

// // // “Nella nuova biografia di Kim Dotcom si legge che il raid che ha portato alla chiusura di MegaUpload sia stato pilotato da una donazione di 20.000€ che lo stesso aveva effettuato a vantaggio di Wikileaks”Sono passati quasi due anni...

» Kim Dotcom rivela nome e primi dettagli del suo nuovo servizio musicale gratuito

// // // Kim Dotcom ha rivelato il nome del suo nuovo servizio musicale sia gratuito sia a pagamento: data di rilascio, prezzi e numero di brani presenti al lancio sono ancora sconosciutiPochi giorni fa avevamo parlato di "Megabox", il servizio...

» Kim Dotcom si dimette da MEGA

// // // Il discusso imprenditore lascia il servizio di cloud hosting. Il grande imprenditore sembra essere troppo impegnato nelle battaglie legali e nelle aspirazioni politiche.Kim Dotcom lascia MEGA, il servizio di hosting nato all’inizio...