Home Notizie Apple iOS 7: tutte le novità racchiuse in un solo articolo

iOS 7: tutte le novità racchiuse in un solo articolo PDF Stampa
Giovedì 13 Giugno 2013 13:05

Finalmente è stato presentato il nuovo iOS 7. Dopo sei lunghi anni la Apple ha completamente rinnovato la veste grafica ed implementato nuovissime funzionalità sul suo innovatissimo sistema operativo. Ecco i tutti i dettagli racchiusi in questo articolo.

ios7f-620x469

La disposizione delle icone è più o meno la stessa ma il design è più minimalista grazie all'utilizzo di icone ed elementi piatti, oltre a tutta interfaccia utente che appare più chiara, senza rinunciare ad un aspetto moderno grazie ad effetti di trasparenza e 3d.

Sono poi inoltre ridisegnate le applicazioni come il calendario, messaggi, Immagini, Musica, Siri, Safari e altre ancora.

Una novità interessante è anche il rinnovamento del sistema per la gestione delle fotografie che permette di organizzare meglio le foto grazie a nuovi modi di esplorazione e presentazione delle immagini con possibilità di creare album, oltre a ordinare le immagini e applicare filtri.

iOS 7 introduce anche un nuovo sistema multitasking per la gestione semplificata di più applicazioni contemporaneamente in quanto è possibile visualizzare le anteprime delle app in esecuzione.

L'app orologio è animata e mostra l’ora esatta tramite un movimento fluido e continuo della lancetta dei secondi direttamente dalla home.

Abbiamo anche una rivisitazione delle cartelle. In precedenza potevamo inserire un numero limitato di applicazioni all’interno, limite adesso inesistente e le app saranno navigabili in comode slide orizzontali. Queste scorreranno proprio come le schermate della Home del dispositivo e su iPhone 5 verranno mostrate 9 icone per schermata.

Tramite il menu Impostazioni > Generali di iOS 7 è possibile ingrandire o rimpicciolire il testo delle applicazioni e dell’intero sistema operativo. Questa funzione, come comunicato da Apple, sarà compatibile con molte delle app di App Store. Trascinando il cursore verso destra, il testo verrà ingrandito; mentre se lo trascineremo a sinistra, il testo verrà rimpicciolito.

Praticamente un anno fa, con il rilascio delle prime beta di iOS 6, molti si aspettavano che la funzione “Non disturbare” avrebbe consentito di nascondere tutte le notifiche ricevute dal dispositivo fino a nuovo ordine, a prescindere dal fatto che l’iPhone fosse acceso o spento. Con l’uso, però, ci si è resi conto che “Non disturbare” funziona solo ad iPhone bloccato, quindi in standby. Questa, ovviamente, è parsa a molti come una limitazione. In iOS 7, Apple ha inserito l’opzione per utilizzare “Non disturbare” anche ad iPhone acceso, in modo da nascondere tutte le notifiche in entrata anche durante l’utilizzo del device.

Insieme ad iOS 7 Apple ha introdotto il supporto ad Hotspot 2.0, un sistema che permetterà agli utenti di connettersi senza difficoltà alle reti wireless compatibili. Questa nuova tecnologia consente ai dispositivi ottimizzati di collegarsi a hotspot compatibili senza che l’utente debba intervenire in alcun modo. Questa funzionalità si basa sul progetto Passpoint di Wi-Fi Alliance il cui obiettivo è quello di automatizzare le connessioni a hotspot certificati in modo rapido e sicuro, permettendo agli utenti iOS di non dover più cercare e inserire manualmente le credenziali per accedere ad reti wireless. Utilizzando la scheda SIM di un dispositivo, o lo UDID, i dispositivi compatibili con Hotspot 2.0 possono accedere ai suddetti network Wi-Fi evitando l’inserimento della password. Per funzionare questa tecnologia richiede che entrambi i dispositivi – smartphone/tablet e punto d’accesso – siano compatibili con questo protocollo, nonostante allo stato attuale questa tecnologia non sia ancora ampiamente diffusa.

Novità che vale la pena menzionare è la possibilità di monitorare i consumi sotto rete dati delle nostre applicazioni installate…e non solo. E’ possibile trovarla in Impostazioni > Utilizzo di iOS 7, e da qui potremo visualizzare l’utilizzo della rete dati cellulare per ogni applicazione. Grazie a questa funzionalità ci è molto facile scoprire che applicazioni come Safari, Facebook, Mail e simili consumano più dati rispetto ad applicazioni come Note e Meteo. Ma la novità davvero interessante è un’altra: ad ogni applicazione potremo inibirne l’utilizzo sotto rete dati tramite uno switch, cosicché -dopo aver capito quali applicazioni consumano più dati- potremo limitarne l’uso solo sotto WiFi evitando così di sforare i nostri preziosi MB mensili.

Molo utile anche il nuovo pannello chiamato "centro di controllo" per accedere facilmente alle impostazioni Wi-Fi, Bluetooth o 3G e altre impostazioni audio e multimediali, accessibile facendo scivolare il dito dalla parte inferiore del display verso l'alto.

E' stata introdotta la completa integrazione nel sistema dei servizi Flickr e Vimeo, entrambi ora disponibili nel menu delle “Impostazioni”, precisamente sotto le voce Facebook e Twitter. Per chi non lo sapesse, Flickr è il noto portale che consente a tutti gli iscritti di pubblicare e condividere i propri scatti fotografici, una sorta di social network dedicato esclusivamente alla fotografia. Vimeo, invece, è un portale dedicato al video-sharing.

iOS 7 sembrerebbe notificare gli utenti quando viene collegato al device un cavo o un accessorio non certificato senza tuttavia impedirne il funzionamento.

Non mancano novità nemmeno in fatto di sicurezza visto che Apple ha incluso anche una nuova funzionalità di blocco dell'iPhone che, se rubato, non potrà essere usato da estranei. La mela ha finalmente introdotto una nuova funzionalità in iOS 7 denominata “Blocco di attivazione” che richiede l’Apple ID e la relativa password per riattivare un telefono rubato dopo che sullo stesso siano stati cancellati da remoto dal proprietario tutti i dati tramite Find my iPhone. Sarà quindi impossibile riattivare il nostro iPhone dal presunto ladro senza che esso disponga della nostra password. Ovviamente, qualora il proprietario non abbia ancora cancellato tutti i dati o bloccato il proprio dispositivo, sarà comunque impossibile per il potenziale ladro disattivare Find my iPhone perché anche questa operazione sarà indispensabile conoscere la password del nostro account Apple. In caso di furto i nostri smartphone saranno, in definitiva, resi inutilizzabili. Senza la password sarà impossibile procedere, in ogni modo, alla riattivazione del terminale.

E' stato anche introdotto un tributo al caro Steve Jobs. Difatti è stata sostituita la sagoma degli occhiali della voce "aggiungi a elenco lettura" con una sagoma che ricorda la forma degli occhiali indossati da Steve. Ecco l'anteprima.

Untitled-4

Come già accade con iTunes su Mac, anche tramite App Store e iOS 7 sarà possibile riscattare una iTunes Card usando la fotocamera. Se su Mac è necessario sfruttare la iSight, su iPhone dovremo usare la fotocamera integrata per inquadrare il codice regalo. Acquistando una iTunes Card, non sarà quindi più necessario digitare manualmente il codice: dall’App Store è infatti presente una funzione che consente di sfruttare la fotocamera dell’iPhone per riscattare automaticamente il codice regalo.

redeem

Il Centro Notifiche in iOS 7 non è stato soltanto ridisegnato con qualche funzione gestita in maniera diversa, ma implementa anche una interessante funzione chiamata Today, molto simile a quanto offerto da Google Now. Apple, però, ha ottimizzato il servizio con alcune chicche davvero carine.

now

Il nuovo Centro Notifiche di iOS 7 darà all’utente numerose informazioni, prese sia dai dati personali memorizzati su iPhone e iPad (ad esempio appuntamenti e impegni inseriti nel Promemoria), sia dal web. Il tutto avviene in modo automatico, senza che l’utente debba effettuare alcuna operazione: il Centro Notifiche mostrerà gli impegni memorizzati, i compleanni del giorno, il meteo dei posti in cui dovremo recarci durante la giornata e lo stato del traffico per raggiungerli.

Nelle impostazioni relative alla Localizzazione è anche presenta la funzionalità “Frequent Locations“, in grado di dare suggerimenti sui punti di interesse dei luoghi che frequentiamo più spesso o nei quali dovremo recarci per un appuntamento.

Se ad esempio avete memorizzato l’appuntamento “Riunione a Roma”, iOS mi fornirà tutti i suggerimenti sui posti più interessanti da visitare, mi darà le informazioni meteo dal Centro Notifiche e fornirà anche le informazioni sul traffico. Quindi, nel Centro Notifiche leggeremo frasi come: “Il tempo a Roma attualmente è buono, ma in serata potrebbe peggiorare” – “Se parti ora, con le condizioni del traffico attuali, arriverai a Roma in XXX ore“.

Addirittura, se per il giorno dopo abbiamo inserito molti appuntamenti, iOS ci consiglierà di andare a letto presto con frasi come: “Domani hai una giornata ricca di impegni. Ci sono 7 impegni in programma e il primo è alle 7:30. Forse sarebbe meglio andare a riposare”.

gotobed

In futuro, Apple potrebbe migliorare questo tipo di servizio, rendendo il Centro Notifiche ancora più dinamico con informazioni automatiche che aiuteranno l’utente a gestire le proprie giornate.

COMPATIBILITA':

Con iOS 7 Apple ha deciso di abbandonare il supporto software ad iPhone 3GS, uno dei dispositivi più longevi della società. Il nuovo sistema operativo di Cupertino richiede più risorse rispetto al passato ed i vecchi dispositivi con quantitativi di RAM insufficienti sono stati in qualche modo scremati.

iOS 7 è disponibile per i seguenti dispositivi, come abbiamo riportato ieri:

iPhone 4
iPhone 4S
iPhone 5
iPad 2
iPad di terza generazione
iPad di quarta generazione
iPad Mini
iPod touch di quinta generazione

Tuttavia, non tutte le feature di iOS 7 sono disponibili su tutti i dispositivi e vediamo di fare chiarezza con le caratteristiche implementate recentemente sui vari iOS:

Panorama: questa caratteristica introdotta con iOS 6 sarà disponibile su iPhone 4S e 5 e su iPod touch di quinta generazione. Non sarà disponibile su alcun modello di iPad.

Formati Square/Video e modalità Swipe to Capture: queste caratteristiche saranno disponibili su tutti i modelli compatibili con iOS 7, escluso l’iPad 2.

Filtri durante lo scatto: l’aggiunta dei filtri durante lo scatto, visualizzabili già dall’anteprima della foto saranno disponibili solamente su iPhone 5 e su iPod touch di quinta generazione.

Filtri nell’app Immagini: questa feature, che prevede l’inserimento di effetti alle fotografie già scattate ed inserite nel Rullino Fotografico sarà disponibile per tutti i dispositivi, escluso l’iPad 2.

AirDrop: la nuova modalità per la condivisione delle immagini funzionerà solamente su iPhone 5, iPad di quarta generazione, iPad Mini ed iPod touch di quinta generazione.

Siri: Come in passato, Siri sarà funzionante su iPhone 4S e 5, su iPad di terza e quarta generazione, su iPad mini e su iPod touch di quinta generazione.

iTunes Radio: il servizio di streaming musicale sarà disponibile su tutti i dispositivi compatibili con iOS 7.

Di seguito vi mostriamo una tabella riassuntiva che mostra la compatibilità di iOS 7 relativamente ad ogni singola feature presentata nel corso dell’evento di ieri.

ios7-features-comparison1-520x154

DIFFERENZE CON ANDRORID 4.2:

Dall'uscita del sistema operativo di Google uno dei tanti argomenti è stato "chi ha copiato cosa" da entrambi i sistemi operativi. La Apple, per fare un esempio, ha copiato la tendina del centro notifiche da Android quando ha rilasciato la versione 5.x.x di iOS. Android invece ha copiato la UI di iOS e via discorrendo. Bene. Ora mettiamo a confronto iOS 7 con Android 4.2.

android 4.2 vs ios 7

Control Center, Notification Center e Quick Toggles

Schermata del 2013-06-11 11:42:12 Schermata del 2013-06-11 11:41:54

differenze ios 7 android 4

È quasi impossibile non paragonare il nuovo centro di controllo e quello di notifiche di iOS 7 con la tendina delle notifiche di Android. Sebbene su Android siano accessibili con uno swype verso il basso a partire dalla barre delle notifiche, su iOS 7 invece si potrà accedere ai due con uno swype dal margine basso dello schermo verso l’alto per il Control Center, mentre con uno swype a partire della barra delle notifiche verso il basso per il Notification Center.

In particolare i due elementi introdotti da Apple mostrano alcune caratteristiche comuni con il robottino verde. Il Control Center è quasi identico al Quick Settings di Android, visto sulla versione 4.2 ad eccezion fatta per i controlli musicali, l’avvio rapido di alcune applicazioni e la gestione della luminosità. Queste ultime tre cose su Android invece le troviamo nella tendina delle notifiche.

Piccole banalità sicuramente, ma la gestione delle notifiche introdotta da Apple adesso è quasi del tutto identica a quella che Google introdusse a partire da Android 4.1 Jelly Bean. Se da un lato possiamo vedere la similitudine delle notifiche estese, dall’altro Apple ha organizzato le stesse in “Oggi”, “All” e “Missed”. Purtroppo le somiglianze non finiscono qui in quanto la “barra delle notifiche” sarà raggiungibile anche dalla lock screen, identicamente a quanto accade su Android e nel Notification Center ci saranno le informazioni meteo identicamente a quanto accade su Android 4.1+.

Lockscreen

iso-vs-android (1)

La lockscreen, tante volte sotto i riflettori in quanto la stessa Apple riteneva che lo slide to unlock poteva essere solamente lei ad utilizzarlo nei propri dispositivi, subisce un importante upgrade diventando di fatto identica a quella presente su Android. Molto somigliante il carattere, stile Roboto, ed il live wallpaper a bolle sullo sfondo. L’unica differenza risiede nella modalità di sblocco: Android lo si sblocca tenendo premuto il pulsante centrale e spostandolo verso qualsiasi direzione, mentre iOS lo si sblocca effettuando uno slide in qualunque direzione e da qualsiasi parte dello schermo.

Multitasking

Schermata del 2013-06-11 12:08:10 Screenshot_2013-06-11-12-11-45

Qui, davvero, c’è ben poco da dire in quanto la differenza unica fra i gestori delle applicazioni attive (Multitasking) risiede nell’orientamento che hanno i due: su Android è verticale, mentre su iOS 7 orizzontale. Ben poco cambia in termini di dimensione dell’anteprima dell’applicazione o che le icone siano più o meno grandi. La principale differenza del cosmo Android è che ogni produttore ha introdotto diverse personalizzazioni ma, in linea generale, la funzionalità è pressoché identica.

Multimedialità: iTunes, iTunes Radio, Photo Galleria e condivisione

Screenshot_2013-06-11-12-28-27Schermata del 2013-06-11 12:20:56

Screenshot_2013-06-11-12-34-43 Schermata del 2013-06-11 12:34:33

Anche qui le somiglianze sono abbastanza evidenti. Iniziamo con iTunes Radio e lo paragoniamo ovviamente con Play Music. In pratica sul primo abbiamo la possibilità di ascoltare le stazioni radio, mentre su Play Music possiamo ascoltare lo streaming dei nostri brani caricati online così come anche la musica che abbiamo sul nostro dispositivo. Per l’ascolto della musica offline, per così dire, su iOS 7 c’è ovviamente iTunes.

Anche nel caso della User Interface della fotocamera sono presenti alcune analogie, due immagini aiuteranno a capirle meglio. Sicuramente un altro punto di forza del cosmo Android sta ancora nelal possibilità di vedere differenti personalizzazione in base ai diversi costruttori.

Per quanto riguarda l’esecuzione del brano o la riproduzione in streaming di una stazione radio è difficile dire qual’è la differenza fra i due, se non proprio la presenza di uno slider per il volume su iTunes Radio.

Fotocamera

Schermata del 2013-06-11 12:44:26

Per quanto riguarda la fotocamera invece le differenze sono quasi tutte legate alle funzionalità ma, purtroppo, anche in questo caso è evidente la somiglianza del layout degli “oggetti”, ovvero della disposizione e del design, che compongono la UI dell’applicativo per scattare le foto.

Anche qui il gioco della caccia alla differenza si riduce a pochissimi elementi o particolari.

Per quanto riguarda la gestione delle foto memorizzate sul terminale anche in questo caso le somiglianze sono molte: il layout delle miniature è praticamente identico a quello presente su Android. Spiazzante invece la possibilità di visualizzare le immagini sul dispositivo oppure sul servizio di clouding Apple, mentre su Android 4.2 le immagini vengono visualizzate tutte senza creare confusione su quale sia memorizzata sul dispositivo oppure su Picasa Web Album o Google+.

La condivisione su Android è possibile grazie ad una singola azione, mentre su iOS 7 c’è un centro anche per questo chiamato AirDrop. Vi proponiamo una immagine per ognuno dei due qui di seguito.

j Schermata del 2013-06-11 13:03:44

Siri e Google Now

Screenshot_2013-06-11-13-09-27 Schermata del 2013-06-11 13:09:53

Senza dubbio Siri è il rivale per eccellenza di Google Now, ma le funzionalità (almeno in questo caso) sono diverse. Siri è un vero e proprio assistente personale mentre Google Now fino al momento attuale si limita ad offrirci alcune informazioni scarsamente interattive, anche se per il prossimo futuro il livello di interazione dovrebbe aumentare.

Messaggi e Mail

Nel caso del sistema di gestione degli SMS, sebbene la singola conversazione risulta anche in questo caso abbastanza simile, su Android c’è la possibilità di gestire una conversazione per volta e non si può passare da una ad un’altra con uno swype. Ecco un altro confronto qui di seguito.

Screenshot_2013-06-11-12-59-54 Schermata del 2013-06-11 13:15:51

Il client di servizi email su iOS 7 in questo caso abbraccia uno stile abbastanza differente da Gmail e non possiamo assolutamente riscontrare somiglianze particolari, eccezion fatta per alcune piccole cose.

e-mail ios7 gmail android 4.2

Così come su Android già da moltissimo tempo, ora anche su iOS 7 è possibile archiviare o eliminare una e-mail semplicemente effettuando uno swipe verso destra o verso sinistra. L’interfaccia, seppur differente dalla nuova Gmail per Android, sembra comunque risentire dell’influenza di quella di Google.

Browser: Safari e Chrome

Passiamo, ora, ai rispettivi browser web di entrambi i sistemi operativi per i mobile: Safari per iOS 7 e Chrome per Android 4.2. Quello che sorprende ancora una volta è l’estrema somiglianza tra le due applicazioni, una made in Apple l’altra made in Google, come possiamo osservare dai seguenti screenshot.

safari ios 7 chrome android

C’è comunque una piccola differenza tra i due browser a livello di interfaccia: mentre su iOS 7 troviamo le schede del browser posizionate già di default in maniera obliqua, per avere lo stesso effetto anche su Google Chrome dobbiamo effettuare un pull verso il basso. Sostanzialmente, i due browser si somigliano ora più che mai per quanto riguarda l’interfaccia utente.

Altre funzioni aggiunte

Sfondi semi-animati: in iOS 7 lo sfondo si muove in base alla posizione del dispositivo, cosa che su Android non solo c’è dagli albori ma che col tempo ha conosciuto tantissime evoluzioni, le quali sono tutte apprezzabili in applicazioni dedicate da scaricare sul Play Store.

Aggiornamenti automatici delle Applicazioni: proprio come sul Play Store, ora anche su iOS 7 sarà possibile scegliere di aggiornare automaticamente le applicazioni installate semplicemente selezionando un’opzione.

Bing: il motore di ricerca Bing ha sostituito Google in iOS 7 per quanto riguarda le ricerche di Siri. Ora Siri cercherà su Bing e non più su Google!

Sincronizzazione notifiche: quello che Google ha implementato in Hangouts, ovvero la sincronizzazione delle notifiche tra vari dispositivi, ora Apple lo ha incluso in iOS 7.

Send-to-Phone: con iOS 7 è possibile ora inviare Mappe ed eventi in Calendario dai Mac ai dispositivi iOS. Con Google non abbiamo bisogno di inviare nulla, poichè Google conosce le nostre ricerche e ce le rende subito disponibili con Google Now.

AirDrop: chi ha detto “invio dei file tramite WiFi direct”? con questa funzione, iOS 7 permette di inviare file come immagini e musica ad altri dispositivi iOS, anche se non è ancora chiaro in che modo (se tramite Bluetooth o WiFi). Su Android abbiamo già da un paio d’anni la tecnologia WiFi Direct che ci permette di fare la stessa identica cosa ma con molte più possibilità: possiamo, infatti, non solo inviare immagini e musica, ma anche qualsiasi tipo di file.

Che cosa dire di iOS 7? In definitiva è sicuramente un sistema operativo molto valido, estremamente ottimizzato in quanto chiuso (a differenza di Android che è open source) ma, ora più che mai, molto in stile Android. Per anni è stata abitudine comune infangare il sistema operativo di Google poichè ritenuto una “copia” di quello di Apple, ingiustamente. Ora che i fatti parlano molto chiaro, molto più di prima, lasciamo a voi il compito di interpretare ed inquadrare cos’è oggi iOS.

Vi lasciamo con il video ufficiale:

Non poteva mancare la parodia del suddetto video:

miglior sito

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Luglio 2013 11:29
 
Altri Articoli :

» Apple rilascia iOS 8.1.2

// // Apple ha rilasciato iOS 8.1.2 per iPhone e iPad. Ecco tutte le novità.L’aggiornamento è disponibile sia via OTA, andando in Impostazioni -> Generali -> Aggiornamento Software su iPhone o iPad, sia collegando il dispositivo ad iTunes...

» QuickTake, la prima macchina fotografica digitale di Apple compie 20 anni

// // Uscita nel 1994, QuickTake è stata una delle prime fotocamere destinate ad un pubblico di consumatori. Nel corso degli anni ne sono usciti tre modelli, ma nel 1997 Steve Jobs ha ritirato completamente il prodotto.Nella storia delle tecnologia...

» Apple rilascia iOS 8.1.1

// // Apple ha rilasciato al pubblico iOS 8.1.1, aggiornamento minore di iOS 8.1 che corregge alcuni bug e soprattutto blocca l’esecuzione del jailbreak con Pangu 8.Apple ha da poco rilasciato iOS 8.1.1. Questo aggiornamento va a correggere...

» Apple, ecco perché nelle pubblicità degli iPhone sono sempre le 9:41

// // Ogni prodotto presentato da Apple dopo il lancio del primo iPhone mostra un orario ben preciso: le 9:41. Il mistero è stato finalmente svelato e sottolinea ulteriormente l'attenzione per i dettagli dell'azienda: l'orario si riferisce a quello...

» Apple rilascia il tool per cancellare un numero di telefono dal sistema iMessage

// // Apple ha rilasciato un l che consente di annullare velocemente la registrazione di un numero di telefono collegato ad iMessage. Questo tool dovrebbe risolvere il problema dei messaggi di testo non ricevuti da ex-utenti iPhone dopo il passaggio...