IA-32e 64-Bit Extension Mode (x64, AMD64, x86-64, EM64T)
Home Come funziona il Computer IA-32e 64-Bit Extension Mode (x64, AMD64, x86-64, EM64T)

IA-32e 64-Bit Extension Mode (x64, AMD64, x86-64, EM64T) PDF Stampa
Lunedì 02 Dicembre 2013 15:33

La "64 bit extension mode" è un miglioramento all'architettura IA-32 originariamente progettata da AMD e poi adottata da Intel. Nel 2003 AMD ha introdotto il primo processore a 64 bit per computer desktop compatibili x86 - l'Athlon 64 - seguito dal suo primo processore server a 64 bit, l'Opteron. Nel 2004 Intel ha introdotto una serie di versioni a 64 bit della sua famiglia di processori Pentium 4 desktop. Gli anni successivi hanno segnato l'arrivo di sempre più processori a 64 bit.

Processori con estensione a 64 bit possono lavorare in modalità real (8086), IA-32 o IA-32e. La IA-32 consente al processore di funzionare in protected mode e virtual real mode. La IA-32e permette al processore di lavorare in modalità 64 bit e compatibilità, il che significa che potete far girare simultaneamente applicazioni a 64 e 32 bit. La IA-32e include due sottomodalità:

  • 64 bit mode - permette a un sistema operativo a 64-bit di far girare applicazioni a 64 bit
  • Compatibility mode - permette a un sistema a 64-bit di far girare la maggior parte dei software esistenti a 32-bit

La modalità IA-32e 64 bit si abilita caricando un sistema operativo a 64 bit ed è usata da applicazioni a 64 bit. Nella sottomodalità a 64 bit, sono disponibili le seguenti funzioni:

  • n64 bit linear memory addressing
  • Supporto di memoria nPhysical oltre 4GB (limitata allo specifico processore)
  • Nuovi general-purpose registers (GPRs) nEight
  • Nuovi registri nEight per le estensioni streaming SIMD (MMX, SSE, SSE2, and SSE3)
  • n64 bit-wide GPRs and instruction pointers

La IE-32e compatibility mode permette ad applicazioni a 32 bit e 16 bit di lavorare sotto un sistema operativo a 64 bit. Sfortunatamente i vecchi programmi a 16 bit che operano in virtual real mode (ovvero programmi DOS) non sono compatibili e non funzionano, e questo è probabilmente il maggiore problema per molti utenti, specialmente quelli che usano vecchie applicazioni business o amano far girare vecchi videogiochi. In modo simile alla modalità a 64-bit, la compatibility mode è abilitata dal sistema operativo su basi di codice individuale, il che significa che applicazioni a 64 bit che operano in modalità 64 bit possono funzionare simultaneamente con applicazioni a 32 bit che operano in compatibility mode.

Tutto ciò che serve per questo lavoro è un sistema operativo a 64 bit e, più importante, driver a 64 bit per tutto l'hardware che opera sotto quel sistema operativo. Microsoft distribuì infatti una versione a 64 bit di Windows XP, ma solo poche aziende pubblicarono i driver adatti. È stato solo con Windows Vista e ancora di più con Windows 7 che i driver sono diventati abbastanza diffusi da rendere i 64 bit mainstream.

Bisogna notare che Microsoft usa il termine x64 per riferirsi ai processori che supportano AMD64 o EM64T, dato che le estensioni di AMD e Intel allo standard d'architettura IA32 sono praticamente identiche e si possono supportare da una singola versione di Windows.

Nota: le prime versioni dei processori EM64T di Intel non avevano il supporto alle istruzioni LAHF e SAHF usate nel set di istruzioni AMD64. I processori Pentium 4 e Xeon DP, tuttavia, con gli stepping di core G1 e superiori supportavano totalmente tali istruzioni; era necessario un aggiornamento del BIOS. I processori multi-core più recenti con supporto a 64 bit includono queste istruzioni.

I limiti di memoria fisica per Windows XP e successivi sono mostrati nella tabella sotto:

Versione Windows Limite memoria
8 Enterprise/Professional 512 GB
8 128 GB
7 Profession/Ultimate/Enterprise 192 GB
Vista Business/Ultimate/Enterprise 128 GB
Vista/7 Home Premium 16 GB
Vista/7 Home Basic 8 GB
XP Professional 128 GB
XP Home 4 GB

La principale differenza tra Windows a 32 e 64 bit è il supporto di memoria - nello specifico superare la barriera dei 4 GB che si trova nei sistemi Windows a 32 bit. Queste versioni supportano fino a 4 GB di memoria fisica, con un massimo di 2 GB di memoria dedicati per processo. Le versioni a 64 bit di Windows supportano invece fino a 512 GB di memoria fisica, con un massimo di 4 GB per ogni processo a 32 bit e fino a 8 TB per ogni processo a 64 bit. Il supporto a maggiore memoria significa che le applicazioni possono precaricare più dati nella memoria, a cui il processore può accedere molto più rapidamente.

Nota: sebbene le versioni a 32 bit di Windows possono supportare fino a 4 GB di RAM, le applicazioni non possono accedere a più di 3,25 GB. Il resto dell'address space è usato dalle schede video, dalla ROM di sistema, dai dispositivi PCI integrati, dalle schede PCI e PCIe e dagli APICs.

Windows a 64 bit fa funzionare le applicazioni a 32 bit senza problemi ma non fa girare applicazioni a 16 bit, DOS o altri programmi che girano in virtual real mode. I driver sono un altro grande problema. I processi a 32 bit non possono caricare dynamic link libraries (DLLs) a 64-bit, e i processi a 64-bit non possono caricare DLLs a 32-bit. Questo significa che per tutti quei dispositivi che avete connesso al vostro sistema dovete avere sia driver a 32 che a 64 bit per farli funzionare. Ottenere driver a 64 bit per vecchi dispositivi o prodotti che non sono più supportati si può definire difficile se non impossibile. Prima di installare una versione a 64 bit di Windows assicuratevi che tutti i componenti interni godano di driver a 64 bit.

Suggerimento: se non trovate driver a 64 bit progettati per Windows Vista o Windows 7, cercate quelli per Windows XP x64 edition. Questi driver spesso funzionano molto bene con le successive versioni di Windows a 64 bit.

Anche se i produttori ormai sviluppano senza problemi software e driver a 64 bit, non dovreste dimenticare tutti i problemi nella capacità di memoria, software e driver quando considerate il passaggio dai 32 ai 64 bit. La transizione dall'hardware a 32 bit fino al rendere i 64 bit comuni ha richiesto 16 anni. Il primo processore a 64 bit è stato distribuito nel 2003 e i 64 bit non sono diventati davvero diffusi fino al tardo 2009 con Windows 7.

Continua a leggere Benchmark per i processori e confronto prestazioni

VIA

miglior sito

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Dicembre 2013 03:49
 
Altri Articoli :

» Architettura Dual Independant Bus

// // L'architettura Dual Independent Bus (DIB) è stata implementata per la prima volta nei processori di sesta generazione di Intel e AMD. DIB fu creata per migliorare il bandwidth e le prestazioni del bus del processore. Avendo due bus di I/O...

» Dynamic Execution

// // Usata per la prima volta nei processori P6 (o di sesta generazione) di Intel, l'esecuzione dinamica consentiva al processore di eseguire più istruzioni in parallelo, in modo da completare le operazioni più rapidamente. La tecnologia è...

» Tecnologia MMX: SSE e 3DNow!

// // La tecnologia MMX era originariamente nota come multimedia extensions o matrix math extensions. Intel afferma ufficialmente che non si tratta di un acronimo; una delle due definizioni precedenti potrebbe essere quella giusta. Questa tecnologia...

» Esecuzione superscalare

// // La quinta generazione di processori Pentium e le soluzioni successive hanno diverse pipeline interne per l'esecuzione di istruzioni, che consentono di far girare più istruzioni contemporaneamente. I chip 486 e precedenti possono eseguire una...

» Caratteristiche del processore

// // L'arrivo di nuovi microprocessori, la maggior parte delle volte, porta con sé nuove caratteristiche per migliorare le prestazioni con applicazioni specifiche o la stabilità complessiva del processore. Nelle prossime pagine daremo uno sguardo...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna