Home Argomenti Vari File Torrent sotto controllo, gli utenti sono monitorati

File Torrent sotto controllo, gli utenti sono monitorati PDF Stampa
Giovedì 06 Settembre 2012 13:24

La scoperta è stata fatta da alcuni ricercatori della Birmingham University che hanno messo sotto osservazione i 100 files più scaricati della rete. Basta il download di uno solo di questi file per finire nel mirino di decine di aziende, comprese le major discografiche e musicali.

La maggior parte dei file BitTorrent sono sotto controllo. Che si tratti di musica o film, quasi tutti i file più popolari vedono tra i propri utenti diversi "impostori", che registrano gli indirizzi IP dei computer collegati e ne tengono sotto controllo il comportamento.

È ciò che hanno scoperto alcuni ricercatori dell'Università di Birmingham (Gran Bretagna): esistono falsi "peers" (gli utenti che stanno scaricando il file) che non completano il download, ma sono collegati a software di controllo.

Dietro a questi si nascondono società per la difesa del copyright, aziende specializzate in sicurezza e laboratori di ricerca. Insomma non ci sono solo i produttori musicali e cinematografici: sono molte le persone interessate a spiare BitTorrent, e i loro interessi variegati.

Questa scoperta giustifica quindi la scelta di chi usa BitTorrent solo tramite una VPN (Virtual Private Network) o un Proxy per nascondere il proprio indirizzo IP. C'è anche chi sceglie di usare liste per bloccare indirizzi IP, ma questo metodo non è abbastanza efficace.

"Gli utenti BitTorrent quindi non dovrebbero affidarsi solo a queste liste speculative per proteggere la propria privacy".

I ricercatori infine hanno rilevato l'aumento del monitoraggio diretto, che permette di capire se un IP collegato a un torrent sta effettivamente scaricando dati illegali. In altre parole le società che controllano il traffico BitTorrent, qualsiasi siano le loro ragioni, hanno a disposizione un metodo più preciso.

Infine vale la pena sottolineare come la diffusione di questi metodi di monitoraggio sia funzionale alla diffusione di leggi del tipo "avviso e castigo", secondo le quali un utente riceve alcune notifiche prima di trovarsi multato o privo di connessione, in caso di recidività. L'HADOPI francese è forse l'esempio più noto.

Queste leggi in ogni caso hanno portato con sé conseguenze inaspettate: in Nuova Zelanda per esempio gli ISP si sono attrezzati per spedire migliaia di notifiche al giorno, ma ora si lamentano perché l'investimento non ha ritorno. Succede perché i produttori cinematografici dovrebbero pagare circa 20 dollari per ogni notifica inviata, e non hanno la minima intenzione di farlo.

VIA

miglior sito

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Gennaio 2014 15:08
 
Altri Articoli :

» Migliori Siti Torrent

// // // Ecco una classifica dei migliori siti per cercare file torrent da scaricare, ovvero un elenco di 10 motori di ricerca Torrent più visitati ed utilizzati in tutto il mondo.1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. Alcuni di questi siti sono difficili...

» Bloccare The Pirate Bay ha fatto il solletico a BitTorrent

// // Stando ai dati di un provider olandese il blocco di The Pirate Bay non ha avuto effetti sul traffico BitTorrent, che starebbe persino aumentando. L'unica strada è forse rivedere profondamente il modello di business.Il traffico BitTorrent è...

» Pirate Pay è l'arma letale contro il file sharing BitTorrent

// // Con i finanziamenti di Microsoft e una tecnologia proprietaria in grado di bloccare il flusso dei processi di BitTorrent, l'azienda russa Pirate Pay si candida come il nemico numero uno del download illegale di contenuti dalla Rete. Il primo...

» Antivirus per torrent

// Cos'è Virus Guard? è un antivirus gratuito realizzato con tecnologia Anti-Virus e Anti-Malware leader del settore di BitDefender.Si tratta di un prodotto gratuito che opera all'interno del client µTorrent rendendo sicuri i download di...

» Visualizzare peer torrent su google maps

// è una nuova applicazione che ti consente di visualizzare dove si trovano i peer di uTorrent grazie al servizio offerto da Google Maps.Oltre a rivelarsi utile, questa applicazione ci insegna una cosa fondamentale: l’anonimato in rete è solo...