Home Argomenti Vari Betamax, così nacque la paranoia antipirateria

Betamax, così nacque la paranoia antipirateria PDF Stampa
Lunedì 20 Gennaio 2014 14:24

40 anni fa arrivava il Betamax, sistema che scatenò la polemica sulle copie di film.

Chi se lo ricorda il Sony Betamax? Nel 1975 fu il primo sistema di videoregistrazione magnetica destinato al mercato domestico. Ebbe vita breve, perché fu presto soppiantato dallo standard VHS di JVC, di qualità inferiore ma più versatile.

Ebbene, il buon vecchio Betamax fu anche al centro di una delle più feroci dispute giudiziarie della storia della tecnologia. Fu in quella circostanza che si cominciò a parlare di copie illegali di programmi e film coperti da copyright, e di pirateria. Il videoregistratore era il diavolo, secondo le major. Anzi era "lo strangolatore di Boston" dell'industria cinematografica, come affermò davanti al Congresso USA il presidente della Motion Picture Association of America (MPAA) Jack Valenti.

La causa cominciò nel 1976 e si concluse nel 1984. Trent'anni fa, quando la Sony vinse l'ultimo grado di giudizio davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti, che respinse il ricorso presentato da Universal Studios. Soltanto allora il videoregistratore fu dichiarato "non colpevole" di pirateria. Cioè non era vero che Sony con i suoi prodotti aveva istigato i consumatori a copiare film illegalmente. Bene per il sistema VHS, che nel frattempo si era affermato sul mercato e che contribuì alla diffusione dell'home video, una rivoluzione durata trent'anni.

Qual è la morale di questa storia? Che senza la coraggiosa e lungimirante sentenza della Corte Suprema USA del 17 gennaio 1984 forse non oggi non potremmo usare computer, smartphone, tablet, macchine fotografiche, lettori MP3, eccetera. Cioè tutti gli strumenti che permettono di registrare, archiviare e condividere opere protette da diritti d'autore. A quella sentenza infatti si sono ispirati i giudici che qualche anno dopo, nel 1998, respinsero il ricorso della Recording Industry Associaton of America (RIAA) contro uno dei più illustri antenati dell'iPod, il Diamond Multimedia Rio PMP 300.

Insomma, la pirateria informatica non si combatte con l'oscurantismo.

VIA

miglior sito

Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Gennaio 2014 14:43
 
Altri Articoli :

» Addio a Ralph H. Baer, padre dei videogiochi

// // Il 6 dicembre si è spento Ralph H. Baer, l'inventore della prima console da molti ritenuto il padre dei videogiochi. Aveva inventato anche la Light Gun, la prima pistola ottica, e disegnò il gioco elettronico Simon.Se oggi giocate con le...

» Comprimere File Video per Trasferirli su Smartphone o Tablet

// // Lo spazio di archiviazione sul proprio telefono o tablet è solitamente troppo limitato per sprecarlo riempendolo di file video di grandi dimensioni che andrebbero ad occupare gran parte della memoria interna.Fortunatamente sono disponibili...

» Ecco come Pirate Bay organizza i propri server per evitare la polizia

// // Alla base di The Pirate Bay c'è un sistema ingegnoso macchine virtuali che consentono al servizio di funzionare in maniera del tutto "nascosta", sia per gli organi di polizia che per quanto riguarda i siti di hosting.Il team alla base di The...

» Buon compleanno Nintendo! 125 anni e non sentirli

// // Il 23 settembre Nintendo ha compiuto 125 anni. Più di un secolo di storia, per un'azienda che ha gli stessi anni della Coca Cola e della Tour Eiffel.L'azienda creatrice di Mario, Zelda, Donkey Kong e di numerosi altri titoli e personaggi...

» I siti web in continua crescita, da oggi sono più di 1 miliardo

// // La scorsa notte, italiana, il numero dei siti presenti su Internet ha superato la soglia di 1 miliardo e a certificare questo risultato straordinario è Internet Live Stats. Il primo sito venne lanciato da Tim Berners-Lee, il padre del Web,...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna